È passata alla storia come “Mala”, ma per la giustizia italiana quella del Brenta era una vera e propria mafia. Una mafia speciale, autoctona, che per prima smentì il luogo comune che il fenomeno mafioso potesse nascere e radicarsi solo in contesti poveri o arretrati, che fosse quindi solo un affare dei meridionali.

Nel libro “La Mafia del Brenta” Arianna Zottarel ricostruisce le origini e l’evoluzione dell’organizzazione, facendo riferimento a fonti orali, atti giudiziari e decenni di articoli di stampa. Un lavoro certosino e sistematico che le è valso il premio “I Quaderni di Trame”, del Festival dedicato i libri sulle mafie di Lamezia Terme.

Lunedì 22 ottobre, alle 19:30, il libro verrà presentato dall’autrice con Nando dalla Chiesa, sociologo e direttore di Cross – Osservatorio sulla Criminalità Organizzata, e Mario Portanova, giornalista de IlFattoQuotidiano e del FQ MillenniuM, presso lo Spazio Melampo in Via Carlo Tenca 7, a Milano.
L’evento è promosso da Melampo editore e WikiMafia – Libera Enciclopedia sulle Mafie, in collaborazione con Libera Milano, Stampo Antimafioso e il nostro Osservatorio sulla Criminalità Organizzata.