ISOLA DI CAPO RIZZUTO, 5-11 SETTEMBRE 2016

Anche questa estate il corso di Sociologia della Criminalità Organizzata promuove l’esperienza dell’università itinerante, esperienza didattica e di ricerca collettiva in uno dei luoghi simbolici della “legalità difficile”. Dopo l’Asinara, Cinisi, Casal di Principe e Ostia, quest’anno l’esperienza si svolgerà a Isola di Capo Rizzuto, in provincia di Crotone, dove, in contesti problematici, sono in corso testimonianze e attività formative e associative di avanguardia. Un gruppo di studenti, giovanissimi ricercatori e laureati, guidati dal docente del corso, prof. Nando dalla Chiesa, studieranno sul posto i processi di affermazione dei principi di legalità, le caratteristiche del contesto sociale, la storia culturale dei luoghi, le imprese civili e culturali contemporanee. Ascolteranno lezioni e testimonianze (studiosi delle università calabresi, magistrati, imprenditori e commercianti, sacerdoti, esponenti di associazioni e cooperative antimafia), visiteranno luoghi significativi e terranno seminari di discussione collettiva fino a notte, concedendosi spazi di “decompressione” e ricreazione a contatto con le bellezze paesaggistiche e artistiche locali. In cambio offriranno un aiuto nello svolgimento di alcune attività di manutenzione. Un diverso modo di apprendere e riflettere, più partecipato e profondo di quello offerto naturalmente dalle aule universitarie. Tutti gli ospiti saranno alloggiati in un ostello confiscato alla ‘ndrangheta.
Ognuno provvederà liberamente al proprio viaggio, mentre l’ importo di vitto e alloggio sarà pari a 22 euro al giorno.
Posti a disposizione: 30, da dividere per quote in relazione alle diverse categorie indicate (studenti, ricercatori, laureati).

Obiettivi:

1. Integrare grazie a testimoni privilegiati le conoscenze già possedute:

a) sulla storia sociale della Calabria

b) sulla storia della ‘ndrangheta

c) sulle esperienze di contrasto della ‘ndrangheta in Calabria.

2. Acquisire conoscenze di base sulla storia e sulle attività delle cooperative sociali impegnate sul fronte della legalità e della solidarietà sociale.

3. Costruire una rete di scambio e cooperazione con le università e le associazioni calabresi.

Modalità:

* Seminari di chiusura serali, di riflessione libera e guidata

* Momenti di formazione attraverso il dialogo e la conduzione di un’esperienza di vita comune (lavorativa e ricreativa)

* Visite a luoghi, ambienti, gruppi e personaggi significativi

Per il programma clicca qui

Per inviare la propria candidatura è necessario compilare il modulo sottostante entro il 15 luglio (reperibile anche al link https://docs.google.com/forms/d/1nYh_hpARw8QeKCY93xaBNapic6xjGcyh6yAXVY5Hcq0/viewform  )